Architetto paesaggista Marlene Dolar-Donà
home . Progetti . Progettazione del verde . Paesaggistica . Team & Contatto
Obiettivi

L’obiettivo principale della progettazione è la definizione di tutti gli spazi verdi sia esterni che interni degli edifici nonché di tutte le tematiche inerenti.

 

Nella fase preliminare della progettazione viene innanzitutto definito il concetto legato allo spazio ambientale con la definizione dei diversi utilizzi.

 

In molti casi il terreno esistente deve essere trasformato mediante modellamento in modo da formare gli spazi adeguati agli utilizzi richiesti.

 

Le superfici a piantagione, a pavimentazione o le superfici acquatiche vengono definite rispettando le strutture esistenti e vengono corredati di elementi di arredamento, illuminazione e irrigazione..

 

Nell'ambito di edifici pubblici

Gli edifici adibiti al pubblico utilizzo, quali edifici destinati ad uso amministrativo, impianti sportivi, centri culturali, scuole e strutture sanitarie sono collocati in spazi aperti che richiedono differenti interventi di sistemazione, a seconda delle diverse esigenze degli edifici stessi.
Sovente sono previsti ampi parcheggi per il personale e gli utenti e per la oro realizzazione è necessario tenere presenti diversi criteri, tra cui l’ombreggiatura, la suddivisione e la sigillatura della pavimentazione.
La zona d’accesso dev’essere ben evidenziata e configurata secondo criteri di comfort.
Tutti gli altri spazi esterni sono altresì da progettare conformemente alle diverse esigenze ed utilizzi.

Il verde nelle zone produttive

Nel passato le zone industriali erano destinate soltanto alla produzione e al deposito, mentre oggi possono essere destinate in parte anche ad uffici, ambulatori, alloggi di lavoratori, commercio al dettaglio ed impianti d’uso pubblico. In ragione della variazione della destinazione d’uso delle zone produttive nascono nuove esifgenze di ambientazione gradevole ed accogliente per utenti e dipendenti.
L’inverdimento di tetti e facciate e la desigillatura delle zone pavimentate favoriscono la diminuzione del deflusso delle acque pluvie, mentre l’ombreggiatura dei parcheggi consente il miglioramento del microclima.

 

Rete viaria e piazze

Una configurazione ben studiata e realizzata della rete viaria e delle piazze consiste in una armonica sinergia tra suddivisione degli spazi, pavimentazione, piantumazione, arredi esterni e illuminazione. La suddivisione degli spazi deve tenere conto delle esigenze dei singoli gruppi di utilizzatori, delle funzionalità e delle assi visuali e direzionali. Pavimentazione e piantumazione sottolineano la concezione spaziale.
Per un gradevole effetto estetico globale è importante scegliere un design uniforme e congeniale in ogni elemento d’arredo.
Un buon progetto di illuminazione sottolinea infine, la qualità dell’arredo esterno nella notte.

Parchi e zone a verde

I parchi e le zone a verde sono una necessità soprattutto nelle città e nelle zone urbane più ampie e dense. Da un lato si presentano come zone di ricreazione per anziani e per genitori con bambini piccoli, che sono limitati nella loro mobilità. Dall’altro lato contribuiscono al miglioramento del microclima urbano. Per la loro capacità di regolazione della temperatura tramite ombreggiatura e traspirazione, trasformano il diossido carbonico dell’aria in ossigeno e fungono da filtro contro la polvere.

Giardini degli hotel

Gran parte del periodo destinato alla vacanza viene trascorso nei giardini degli hotel, malgrado la vasta offerta per il tempo libero proposta dalle località turistiche. Il giardino di un hotel deve orientarsi al target dei suoi clienti ed al sistema di gestione dell’albergatore. Nella stragrande maggioranza dei casi si deve tener conto del desiderio di quiete da un lato e esigenze di attività sportiva, ludica e conviviale dall’altro. Un giardino funzionale ben studiato con linee uniformi in tutti gli elementi di arredo e con una piacevole piantumazione offre l’immagine di un insieme armonioso.

Giardini di case private

I giardini delle case private rappresentano l’ampliamento del soggiorno: in essi si trascorre gran parte del tempo libero in giochi, relax etc. Il giardino di una casa privata deve disporre di spazi destinati al gioco, di angoli tranquilli e di luoghi destinati alla convivialità attorno ad un tavolo e, eventualmente, anche di un orto. Per assicurare la dimensione di privatezza si deve progettare un riparo dall’esterno. Più piccolo è il giardino più si deve avere cura della sistemazione, rispettando ogni desiderio dei proprietari.

Utilizzi

Nella progettazione degli spazi ad ogni singola zona viene attribuito uno specifico utilizzo o una funzione.
Gli utilizzi possono riguardare vari ambiti, quali il gioco, il relax seduti, i parcheggi, i camminamenti pedonali o le aree destinate ai veicoli. Tra le funzioni vi sono la piantumazione di schermatura, la piantumazione decorativa e per ombreggiatura.
Le varie zone d’utilizzo debbono trovarsi in aree idonee ed i diversi utilizzi non debbono interferire tra loro.
Le delimitazioni tra le diverse zone possono essere ben evidenziate o fisse (ad es. muri) o, invece, solo accennate (ad es. tramite il cambio di pavimentazione).

Modellamento del terreno

Il nostro territorrio (Alpi e Paesi prealpini) è caratterizzato da terreni prevalentemente scoscesi.
Per questo motivo, in molti casi, le superfici possono essere utilizzabili solo previo modellamento del terreno. Si può ovviare ai dislivelli tramite muri di sostegno o rampe. In tali casi il progettista deve procedere con estrema accuratezza e sensibilità, in ragione del fatto che i grandi dislivelli di terreno sono visibili a grandi distanze e hanno un forte impatto paesaggistico.
Si possono prevedere modellamenti del terreno anche per motivi di configurazione del suolo.

Superfici a vegetative

Nella scelta delle piante e dei loro raggruppamenti si dispone di un’infinita gamma di possibilità.
Le piante debbono essere scelte in modo tale da garantire la realizzabilità dei criteri desiderati.
Tra tali criteri vi possono essere l’altezza, la morfologia di accrescimento, i colori ed i periodi di fioritura, la commestibilità, l’appartenenza alle categorie decorative o selvatiche, sempreverdi o a foglia caduca.
Si debbono inoltre considerare le esigenze del luogo, quali temperatura, umidità, precipitazioni atmosferiche, intensità dell’irradiamento solare e qualità del suolo. Già in  fase di progettazione si deve tenere conto della futura cura e manutenzione della piantumazione, differente da pianta a pianta. La potatura artistica, la concimazione l’annaffiamento e l’eventuale riparo invernale fanno parte del programma di cura delle piante.

Superfici a pavimentazione

Spesso le zone pedonali o di traffico veicolare sono pavimentate.
La scelta del tipo di pavimentazione dipende dal futuro utilizzo. I differenti utilizzi richiedono carichi diversi e, a seconda del carico, vengono richieste differenti qualità di pavimentazione.
Le zone pedonali o di traffico veicolare possono essere pavimentate o non pavimentate. La pavimentazione può essere sigillata o non sigillata, legata o non legata, posata a secco o su malta cementizia.
La scelta dei matariali varia da pietre lavorate e non di tutte le granulometrie e fogge. Tra i materiali utilizzati: masselli prefabbricati in cemento, asfalto, legno, materie plastiche e metallo. L’utilizzo di tali materiali consente un vastissimo impiego di forme, colori e disegni di posa.

Specchi d'acqua

Le superfici acquatiche offrono vaste possibilità d’impiego. I laghetti artificiali svolgono innanzitutto una funzione estetica e rappresentano un arricchimento per il giardino.
I laghetti destinati all’attività natatoria consentono anche l’utilizzo sportivo. In queste superfici acquatiche l’acqua viene pulita dalle piante acquatiche, ovviando così a problemi di manutenzione particolarmente laboriosa. Le piscine artificiali, invece, richiedono un congruo numero di impianti tecnici e di manutenzione.
Fontane e bacini acquatici possono essere realizzati con vari materiali in tutte le fogge possibili e nelle più svariate misure e possono venire corredati di una vasta gamma di giochi d’acqua.

Arredamento

Uno spazio esterno senza arredo è come un appartamento senza mobili. Gli arredi esterni debbono essere funzionali, rispettare esigenze estetiche e essere concepiti con uniformità di linee. Tra gli elementi che contribuiscono a costituire l’arredo esterno vi sono:
·      pergolati
·      grate per rampicanti
·      tende a vela
·      attrezzature per il gioco e lo sport
·      mobili da esterni (sedie, panche, tavoli)
·      delimitazioni (recinzioni, poller, cancelli)
fioriere, dimore ed elementi di protezione e sostegno per alberi, cestini portarifiuti, segnaletica, rastrelliere per biciclette.

Illuminazione

L’illuminazione artificiale consente di “vedere ed essere visti di notte”. Il mercato offre una vasta gamma di prodotti per l’illuminazione esterna, che vanno dagli illuminanti a palo, a parete, a plafoniera per interramento fino agli illuminanti a proiezione. La funzione principale dei corpi illuminanti è quella di illuminare solo le zone prescelte, giocando con effetti di luce superficiale, lineare o puntuale.
Oltre alla necessità di illuminare vialetti, strade, piazzali e zone d’accesso, la luce può essere utilizzata per illuminare determinate zone e oggetti, evidenziandoli in maniera particolare.

Irrigazione

In generale le superfici di piantumazione sono concepite con gruppi di piante che richiedono simili quantità d’acqua.
Se l’annaffiamento avviene manualmente è possibile rispettare le diverse esigenze di alimentazione idrica delle singole piante. In questo caso debbono essere previste delle prese d’acqua ben posizionate.
Zone di vegetazione con analoghe esigenze di annaffiamento vengono raggruppate in circuiti di alimentazione. A seconda del tipo di vegetazione l’annaffiamento avviene tramite irrigazione a goccia o irrigazione di sottosuolo.

© 2004  Impressum